Incerto mondo

Enrico Campofreda

Pamuk, il mestiere di scrivere in un regime

Pamuk, il mestiere di scrivere in un regime

In un’intervista concessa a uno dei quotidiani turchi (Hurriyet) non “normalizzati” dal presidente Erdoğan lo scrittore premio Nobel Orham Pamuk risponde ad alcune domande scomode del cronista e prende in esame il ruolo dell’intellettuale inserito nel contesto del proprio Paese. Quando, come nell’attuale Turchia, il clima sfiora la guerra civile e deve fare i conti con una feroce repressione che… Leggi tutto

Istanbul, il sogno d’una resurrezione

Istanbul, il sogno d’una resurrezione

“Istanbul non porta la tristezza come ‘una malattia temporanea’, oppure ‘un dolore da cui liberarsi’, ma come una scelta…” eppure lo scrittore Orhan Pamuk, come altri cittadini liberi di Turchia è angosciato dall’attuale orizzonte che sta vivendo il Paese. Attanagliato nella morte, come durante i cupi tempi d’una dittatura lunghissima, quando negli anni Sessanta, Settanta, Ottanta, periodi in cui lui… Leggi tutto

Enrico Campofreda

Giornalista. Dal 1985 al 2000 ha scritto di sport su: Paese Sera, Il Messaggero, Corriere della Sera, Il Giornale, La Gazzetta dello Sport, Il Corriere dello Sport. Dal 2006 al 2011 di politica sociale ed estera su Il Manifesto e Terra. Attualmente scrive di politica estera per alcuni quotidiani online. Ha pubblicato: – L’urlo e il sorriso, 2007, Di Salvo, Napoli – Hépou moi, 2010, ABao AQu, Rovigo – Diario di una primavera incompiuta, 2012, ABao AQu, Rovigo – Afghanistan fuori dall’Afghanistan, 2013, Poiesis, Alberobello – Leggeri e pungenti, 2017, Lorusso Editore, Roma.

Utenti online