Incerto mondo

Enrico Campofreda

Raqqa, Cappuccio Rosso muore combattendo

Raqqa, Cappuccio Rosso muore combattendo

” Cappuccio Rosso ” sembra una favola. Troppo simile al Cappuccetto che tanti bambini hanno incontrato nei racconti di nonni e maestre. Il nomignolo ad Ayşe Deniz Karacagil, nata in Turchia ma col cuore in Kurdistan, l’aveva coniato uno che di nomignoli se ne intende: Michele Rech  meglio conosciuto come Zerocalcare. Il fumettista aveva conosciuto la giovane durante uno dei… Leggi tutto

L’istruzione secondo il Daesh

L’istruzione secondo il Daesh

Alcuni allettati dalla propaganda, altri dati in affitto dai parenti che ricevono in cambio somme di denaro, altri ancora rapiti per via, così da mesi nell’area di Raqqa – dove Daesh ha concentrato il proprio apparato militar-amministrativo – migliaia di bambini e ragazzi in età scolare partecipano ai campi d’istruzione tenuti dall’Isis. Lusinghe e minacce rappresentano il metodo adottato. Centrale… Leggi tutto

Enrico Campofreda

Giornalista. Dal 1985 al 2000 ha scritto di sport su: Paese Sera, Il Messaggero, Corriere della Sera, Il Giornale, La Gazzetta dello Sport, Il Corriere dello Sport. Dal 2006 al 2011 di politica sociale ed estera su Il Manifesto e Terra. Attualmente scrive di politica estera per alcuni quotidiani online. Ha pubblicato: – L’urlo e il sorriso, 2007, Di Salvo, Napoli – Hépou moi, 2010, ABao AQu, Rovigo – Diario di una primavera incompiuta, 2012, ABao AQu, Rovigo – Afghanistan fuori dall’Afghanistan, 2013, Poiesis, Alberobello – Leggeri e pungenti, 2017, Lorusso Editore, Roma.

Utenti online