Incerto mondo

Enrico Campofreda

Israele, fermiamo subito la guerra

Afferma Noam Sheizaf, un giornalista israeliano che ha scritto per Haaretz, Yedioth Ahronoth e The Nation:“Mentre guardo i missili esplodere nel cielo della città che amo di più al mondo, Tel Aviv, mentre ci affanniamo correndo giù per le scale delle nostre case per raggiungere la stanza delle biciclette che utilizziamo come rifugio per le bombe, mi sento contrario a questa operazione militare israeliana con tutto il cuore”.

L’operazione, che nella sua sempre fantasiosa criminalità d’intenti e d’azione Israeli Defence Forces definisce “Bordo protettivo” ha fatto in dodici giorni 337 vittime da parte palestinese (e con i raid che proseguono aumenteranno), per due terzi civili fra cui tanti bambini, e 2 vittime israeliane. L’ennesima aggressione alla galera a cielo aperto che sono i 40 chilometri della Striscia di Gaza dove sono costretti a vivere in condizioni disumane un milione e mezzo di palestinesi, è sostenuta da attacchi via cielo, mare e terra da uno degli eserciti più agguerriti e tecnologici del mondo. In azione ci sono 52.000 soldati che praticano una strage “chirurgica” colpendo più i familiari che gli stessi 20.000 miliziani della resistenza palestinese. O comunque gli uni e gli altri.

Prosegue Sheizaf: “Continuo a incontrare israeliani che non sanno, per esempio, che controlliamo ancora il ponte di Allenby (che collega la West Bank alla Giordania), così di fatto gestendo il traffico in entrata e uscita dei palestinesi dalla Cisgiordania. Oppure non sanno che in realtà l’esercito continua a operare nell’area A, in teoria soggetta alla sovranità dell’Autorità nazionale palestinese. Oppure che in West Bank non c’è una rete 3G perché Israele non permette ai fornitori palestinesi di utilizzare le frequenze. O che imprigioniamo palestinesi a centinaia senza processo per mesi e anni. Oppure altri aspetti incontestabili dell’occupazione… Abbiamo costruito due enormi prigioni. Chiamiamole “prigione West Bank” e “prigione Gaza”. La prima è una struttura a bassa sicurezza, dove i prigionieri sono autogestiti, almeno fin quando si comportano bene. Ogni tanto hanno permessi d’uscita per delle vacanze e una volta all’anno vengono persino portati in spiaggia. Alcuni fortunati hanno lavori nelle industrie vicine e ricevono stipendi al di sotto del salario minimo. Considerando anche i prezzi bassi nelle mense del carcere, in fin dei conti i detenuti fanno un buon affare”.

E ancora: “Gaza invece è una struttura a massima sicurezza. È difficile da visitare e per chi ci vive è impossibile uscirne. Lasciamo entrare solo cibo (l’essenziale), acqua ed elettricità in modo che i prigionieri non muoiano. A parte questo, di loro ci frega poco o nulla, a meno che si avvicinino allo sbarramento della prigione e allora gli spariamo come pesci in barile finché non si calmano. E quando finalmente si calmano, smettiamo di sparare perché non siamo dei bastardi che sparano alla gente per divertimento”. Chi parla d’Israele e Palestina quali nemici di realtà simmetriche che si scontrano da decenni può trovare in taluni ebrei la maggior smentita a questa grande bugia. Intellettuali come lo storico Ilan Pappé, impegnato nell’opporsi al revisionismo sionista che dagli inizi del Novecento cancella due millenni di storia per accomodanti e univoche riscritture di questo conflitto. O come l’architetto Eyal Weizman che analizza le trasformazioni dei Territori occupati in un sistema dove gli interventi architettonici e le caratteristiche naturali sapientemente ridisegnate creano una vera occupazione civile. Suggerimenti per lettura, riflessione e divulgazione i rispettivi “La pulizia etnica della Palestina” Fazi, 2008. “Architettura dell’occupazione”, Mondadori, 2009.

Enrico Campofreda

22 luglio 2014

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Tags
Commenti

Enrico Campofreda

Giornalista. Dal 1985 al 2000 ha scritto di sport su: Paese Sera, Il Messaggero, Corriere della Sera, Il Giornale, La Gazzetta dello Sport, Il Corriere dello Sport. Dal 2006 al 2011 di politica sociale ed estera su Il Manifesto e Terra. Attualmente scrive di politica estera per alcuni quotidiani online. Ha pubblicato: – L’urlo e il sorriso, 2007, Di Salvo, Napoli – Hépou moi, 2010, ABao AQu, Rovigo – Diario di una primavera incompiuta, 2012, ABao AQu, Rovigo – Afghanistan fuori dall’Afghanistan, 2013, Poiesis, Alberobello – Leggeri e pungenti, 2017, Lorusso Editore, Roma.

Utenti online