Incerto mondo

Enrico Campofreda

Giornalista. Dal 1985 al 2000 ha scritto di sport su: Paese Sera, Il Messaggero, Corriere della Sera, Il Giornale, La Gazzetta dello Sport, Il Corriere dello Sport. Dal 2006 al 2011 di politica sociale ed estera su Il Manifesto e Terra. Attualmente scrive di politica estera per alcuni quotidiani online. Ha pubblicato: – L’urlo e il sorriso, 2007, Di Salvo, Napoli – Hépou moi, 2010, ABao AQu, Rovigo – Diario di una primavera incompiuta, 2012, ABao AQu, Rovigo – Afghanistan fuori dall’Afghanistan, 2013, Poiesis, Alberobello

14102014093631_sm_9316

Afceco di Kabul, l’istruzione contro l’abbandono

I ragazzi di Kabul conoscono l’acronimo Afceco. Magari non tutti lo decriptano in Afghan Child Education and Care Organization, ma sanno che in quella palazzina a tre piani, lungo una via polverosa o fangosa della periferia, si prendono cura di chi non ha neppure un parente che possa aiutarlo. Gli orfani sono una piaga di quel Paese da tredici anni… Leggi tutto

07102014144926_sm_9092

Arin Mirkan, un doppio sogno per le vite degli altri

Nei suoi occhi di ragazza Arin Mirkan guarda il mondo con un sorriso. Ci piace pensare lo facesse anche verso quel mondo cupo che si presenta bardato di nero fin sulle porte della sua Kobane, la cittadina della resistenza. Sorride difendendo la propria gente cui era legata come ai suoi figli. Per questo popolo lei sacrifica la vita alla maniera… Leggi tutto

15092014170841_sm_8959

Tra mille problemi si torna a scuola anche a Gaza

Non mancano solo i banchi, in molti casi non c’è più la scuola, ridotta a un cumulo di macerie. E soprattutto non ci sono tanti compagni, finiti sotto le bombe dell’ennesimo sterminio. Immotivato. Il ministero dell’Educazione di Gaza, Ziad Thabet, annunciando l’inizio dell’anno scolastico per i bambini delle primarie ha offerto alcune cifre: a lezione andranno in 230.000, in gran… Leggi tutto

05092014130141_sm_8815

Safa, vittima del Far West afghano

Quella di Safa Ahmad è una storia di povertà e morte. Come altre mille e mille in Afghanistan, Paese che vede la terza generazione soffocata dai conflitti. Ma accanto alla scia di sangue Safa lascia un presidio di sogno e riscatto, spezzati purtroppo da ex miliziani trasformati in vagabondi, volto oscuro d’una nazione dove la quotidianità è soffocata dalla violenza… Leggi tutto

21082014101533_sm_8645

Medio Oriente, i giochi di potere e di guerra continuano a passare sulla testa dei soggetti più umili

Accreditata da alcuni organi di stampa italiani: La Padania, Il Fatto quotidiano, di volontà mai espresse come quella di armare i peshmerga (i guerriglieri della fazione kurda di Barzani) la Rete Kurdistan Italia ha precisato che nei due mesi di crisi montante nella regione irachena, non ha mai sostenuto un’ipotesi simile. Gli stessi attacchi spietati dei fondamentalisti dell’Isis verso le… Leggi tutto

21072014132129_sm_8385

Israele, fermiamo subito la guerra

Afferma Noam Sheizaf, un giornalista israeliano che ha scritto per Haaretz, Yedioth Ahronoth e The Nation:“Mentre guardo i missili esplodere nel cielo della città che amo di più al mondo, Tel Aviv, mentre ci affanniamo correndo giù per le scale delle nostre case per raggiungere la stanza delle biciclette che utilizziamo come rifugio per le bombe, mi sento contrario a… Leggi tutto

16072014115123_sm_8321

Afghanistan, due presidenti al prezzo di uno

Raddoppia un Karzai e chiamalo governo d’unità nazionale che poi sarebbero Abdullah più Ghani – i due contendenti alla presidenza che si contestano per brogli – più i pashtun divisi fra i due fronti e tajiki e uzbeki e signori della guerra e degli affari. Riuniti tutti appassionatamente. E’ questa la quadratura del cerchio imposta dal segretario di stato americano… Leggi tutto

11072014145531_sm_8261

Israele, l’assassinio dei calciofili

S’illudeva chi pensava che il Fun Time Beach Cafe di Khan Younis potesse salvarsi dalla missione di punizione e morte che da quattro giorni Israele dispensa a uomini, donne, vecchi e bambini della Striscia di Gaza. Il massacro di palestinesi, amanti del pallone e dei Mondiali di calcio, o semplicemente calamitati sull’unico svago che gli tamponasse il dolore di rinnovate… Leggi tutto

07072014165434_sm_8197

Morire di Palestina

I corpi nella Terra santa e contesa possono giacere inerti. In questi giorni è accaduto a Naftali, Gilad, Eyal. O diventare cenere come Mohammed. Possono sopravvivere a un odio vivo che si blocca prima di sfigurare del tutto Tariq. In tanti hanno pianto e le vendette, quella praticata, minacciata o promessa, restano nell’aria e non svaniranno anche se i politici… Leggi tutto

25062014173945_sm_7993

La via delle capre, un progetto di micro investimento per le donne afghane

Una capra per una vedova è un progetto che, col passare degli anni, ha riscosso seguito e consensi fra quelle persone che desideravano aiutare concretamente le donne afghane. L’idea è nata nel 2010 nell’Ong bellunese, Insieme si può e s’è materializzata nella consegna di una trentina di capi alle vedove di alcuni villaggi. L’iniziativa s’è rivelata un successo e prosegue… Leggi tutto

Page 10 of 11
1 8 9 10 11
Utenti online