Incerto mondo

Enrico Campofreda

Siria, gli occhi dei bambini sulla guerra

Siria, gli occhi dei bambini sulla guerra

Li abbiamo visti sbarcare speranzosi aggrappati al collo dei genitori, e in marcia a piedi sui binari. Sorridere alle facce cupe degli agenti e tendere la mano con quel che avevano. Mostrare il cuore con la semplicità che solo l’età dell’oro che è l’avvìo alla vita riesce a dare. Eppure l’infanzia dei bambini siriani è durissima, ormai per tutti: i poveri e diseredati e anche chi appartiene a quei ceti medi rimasti fino a poco tempo fa fedeli al regime che li garantiva. Metà della popolazione d’uno Stato maciullato è in fuga.

Fra una sosta in tenda che fraziona un viaggio infinito, l’ansia del mare oscuro da traversare seppure per poche miglia, la nuova terra, quella promessa di cui parlano e urlano i grandi e che riserva soprese di rinnovata violenza, gli occhi dei bambini fotografano orizzonti da conquistare, incamerano messaggi e, appena possono, ne lanciano altri. Egualmente per chi è ancora sui campi dove si spara e si sgozza, per chi si prepara a partire o non lo farà mai lo scenario si ripete. Ossessivamente. Se hanno quattro anni questi bimbi, nati con la morte al fianco, vedono il mondo segnato di rosso. Il rosso sangue che li circonda e ne soffoca i sentimenti.

Come accade alle vittime infantili e civili d’ogni guerra, certo, ma oggi sulla scena ci sono loro. Se parlarne sa di buonismo, chissà come definire chi se ne frega della loro esistenza, e giustifica i propri misfatti con la sanguinaria presenza di altri assassini: i tagliagole islamici, i meschini capi di Stato che da ogni sponda giocano al Risiko delle spartizioni e alleanze di terre e di genti. Troppo semplici queste valutazioni per i profondi temi della geopolitica che riprendono e studiano ciò che la Teoria del Potere ha sempre avallato. Già, ma questo non entra ancora nella testa dei bambini, i loro occhi scrutano e ricordano. E alla Caritas di Jaramana, alle porte di Damasco, hanno riprodotto l’orrore conosciuto che difficilmente una vita intera, se riusciranno a viverla, attenuerà. Com’è stato per tutti i sopravvissuti dalle barbarie. Questioni che gli Statisti del mondo non possono comprendere, se il mondo che inseguono è fatto di carri e bombardieri. E d’infinite macchie rosse.

Enrico Campofreda

18 settembre 2015

© Riproduzione Riservata
Tags
Commenti
  • Alessandro

    Grandissimo Indiana Jones! Se non li hai letti, ti consiglio di procurarti anche i romanzi Indiana Jones e il tempio maledetto scritto da James Khan, Indiana Jones e l’ultima crociata scritto da Rob MacGregor e Indiana Jones e il regno del teschio di cristallo di James Rollins. Li ho letti tutti e li ho trovati divertenti e ben scritti, anche se quello di MacGregor mi è piaciuto un po’ meno rispetto agli altri per via di alcuni passaggi che non mi lasciavano soddisfatto. E, però, bisogna aggiungere che MacGregor è anche autore di una lunga serie di romanzi originali incentrati su Indiana Jones, alcuni dei quali tradotti in italiano.

    • Valentina Morlacchi

      Ti ringrazio molto per le dritte! Questi libri mi mancano, li cercherò sicuramente!
      🙂

Mostra più commenti

Enrico Campofreda

Giornalista. Dal 1985 al 2000 ha scritto di sport su: Paese Sera, Il Messaggero, Corriere della Sera, Il Giornale, La Gazzetta dello Sport, Il Corriere dello Sport. Dal 2006 al 2011 di politica sociale ed estera su Il Manifesto e Terra. Attualmente scrive di politica estera per alcuni quotidiani online. Ha pubblicato: – L’urlo e il sorriso, 2007, Di Salvo, Napoli – Hépou moi, 2010, ABao AQu, Rovigo – Diario di una primavera incompiuta, 2012, ABao AQu, Rovigo – Afghanistan fuori dall’Afghanistan, 2013, Poiesis, Alberobello – Leggeri e pungenti, 2017, Lorusso Editore, Roma.

Utenti online