Incerto mondo

Enrico Campofreda

Sfollati e nuova umanità

Caos a Kos, dicono le notizie. E da due giorni foto e filmati di migliaia di profughi sbarcati, ammassati, impossibilitati a qualsiasi ospitalità riempiono pagine e schermi di un’informazione presente e attenta. Chi non lo è, e sembra scendere da nuvole in questa stagione peraltro inesistenti sul Dodecaneso, è la politica internazionale e locale. Cosa prevedibile perché, da due anni a questa parte in una situazione d’emergenza storica, solo un po’ di associazioni umanitarie s’occupano del milione e mezzo di rifugiati siriani in terra turca. Loro, i profughi, dopo mesi trascorsi in campi diventati stabili e sempre meno assistiti, quali progetti potevano elaborare se non quello d’una fuga in una zona targata Ue, complice il mare estivo?

 

Col benestare del governo Davutoğlu, ben felice d’alleggerire una zovorra che pesa in gran parte sui propri confini. Sull’altra sponda l’esecutivo Tsipras, per mesi concentrato attorno all’assalto economico-istituzionale alla sovranità ellenica, si fa cogliere impreparato per la stagione degli sbarchi, perlomeno quelli clandestini. L’arrembaggio vacanziero, invece, è proseguito come e più d’ogni anno, coi soliti guadagni esentasse d’ogni categoria turistica. Il pienone nelle isole è così cospicuo che bagnanti e fuggitivi s’incontrano, si sfiorano, per qualche tratto fraternizzano; ma poi chi sta in barca sente d’aver fatto la propria buona azione, chi sogna l’Europa deve farsi tradurre dagli scarsi mediatori presenti che il continente agognato non li vuole.

 

La decrepita e avida Europa non ama beneficenze; abbracciata com’è ai populismi dei Farange, Wilders, Le Pen, dei nostrani Grillo e Salvini respinge e chiude porte. Oscilla fra il conservatorismo dei Duda e il fascismo di Orbán. Oppure vaga nell’indifferenza parolaia di tanta classe politica. E chi umanamente salva le vite non sa dove dirigerle, formando nuovi ghetti. Se alcuni tumulti scoppiano per calca, tensione, mancanze primarie, si vedono tuttora sorrisi, pazienza obbediente di gente che s’affida, pur portando con sé culture, professioni oltreché ricordi non ostentati come le prediche di chi gli spiega di restare a casa. A casa? Quale? Non ce n’è più, non solo ad Aleppo martoriata da quattro anni, anche nei villaggi di tanto Medio Oriente non c’è più riparo.

 

Da europei dovremmo rivisitare gli sguardi silenziosi di certi parenti di settant’anni addietro o di tragedie più recenti. Non sono tutti morti. C’è chi tuttora bene rammenta l’angoscia delle bombe e i dormitori, spartiti con filo e quattro stracci a mò di separé. L’emergenza casa del dopoguerra fu per nazioni come la nostra una lunga piaga sociale. Chi oggi è costretto a osservare dal buco della serratura quale orizzonte si prospetta, rappresenta il soggetto che offre all’asfittico modello europeo una chance per mutare e rinascere: la multietnicità. Nella battaglia, diventata guerra ideologica e non solo, fra nazionalismi faziosi e razzisti e nuova umanità, una fase di confronto-scontro si gioca su questo terreno. Sfollati o accasati siamo tutti coinvolti.

 

Enrico Campofreda

 

19 agosto 2015

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Tags
Commenti

Enrico Campofreda

Giornalista. Dal 1985 al 2000 ha scritto di sport su: Paese Sera, Il Messaggero, Corriere della Sera, Il Giornale, La Gazzetta dello Sport, Il Corriere dello Sport. Dal 2006 al 2011 di politica sociale ed estera su Il Manifesto e Terra. Attualmente scrive di politica estera per alcuni quotidiani online. Ha pubblicato: – L’urlo e il sorriso, 2007, Di Salvo, Napoli – Hépou moi, 2010, ABao AQu, Rovigo – Diario di una primavera incompiuta, 2012, ABao AQu, Rovigo – Afghanistan fuori dall’Afghanistan, 2013, Poiesis, Alberobello – Leggeri e pungenti, 2017, Lorusso Editore, Roma.

Utenti online