Incerto mondo

Enrico Campofreda

Medio Oriente, i giochi di potere e di guerra continuano a passare sulla testa dei soggetti più umili

Accreditata da alcuni organi di stampa italiani: La Padania, Il Fatto quotidiano, di volontà mai espresse come quella di armare i peshmerga (i guerriglieri della fazione kurda di Barzani) la Rete Kurdistan Italia ha precisato che nei due mesi di crisi montante nella regione irachena, non ha mai sostenuto un’ipotesi simile. Gli stessi attacchi spietati dei fondamentalisti dell’Isis verso le popolazioni kurde presenti nella Rojava, in terra di Siria, e quelli rivolti al Kurdistan iracheno vede la componente politica filo kurda vicina alle strutture di difesa popolare (Hpg) del Partito dei lavoratori del Kurdistan, organizzarsi in proprio e non domandare armi né interventi militari esterni. Si chiedono invece: un sostegno umanitario nei confronti di centinaia di migliaia di profughi e la fine degli ostracismi rivolti a realtà popolari come l’autogoverno della Rojava e di organizzatissime componenti politiche, qual è il Pkk, tenuto tuttora sotto scacco dai potenti della politica internazionale: Stati Uniti e Unione Europea, inesorabili nel bollarlo quale gruppo terrorista; a detrimento del sostegno politico-organizzativo che esso offre al suo popolo.

L’iniziativa messa in atto dal presidente americano Obama e quella partorita in tutta fretta dal premier italiano Renzi, volato in Iraq a promettere una manciata d’armi (un carico di kalashnikhov e missili sequestrati tempo addietro al faccendiere russo Zukhov), rispondono a logiche imperial-occidentali di vecchio stampo. Un corto circuito di alleanze e guerre che, partendo dall’appoggio al primo qaedismo, ha avuto come tappe intermedie prima e seconda guerra del Golfo che hanno abbattuto la dittatura di Saddam portando distruzione e morte fra gli iracheni. Quindi la destabilizzazione di una vasta area, aprendo spazi immensi alla riscossa del sunnismo fondamentalista. Ora diventato suo nemico e solo due anni fa foraggiato nel mattatoio siriano, sino a vederlo crescere a dismisura e assumere forza internazionale per ampliare il progetto del Califfato islamico. Simili giochi di potere e di guerra continuano a passare sulla testa dei soggetti più umili, delle minoranze etniche e religiose, e danneggiano le stesse masse islamiche, sunnita e sciita, ormai polarizzate in uno scontro senza futuro e da un presente sanguinoso e tragico.

In questo quadro a tinte fosche la politica mondiale rilancia false soluzioni, pensate per le sue cariche e istituzioni, come non riesce a nascondere il premier italiano Renzi. Pronto a dimostrare a elettori italiani e organismi europei un attivismo cucito a misura di passi né umanitari né di spessore geopolitico che Oltreoceano non riescono a fare. Intervenire nella polveriera irachena, sostenendo d’usare le armi può solo incentivare i drammi delle componenti più deboli (kurdi, yazidi, comunità cristiane) che l’esercito iracheno e guerriglieri pashmerga hanno dimostrato di non voler né saper difendere. Il decisionismo interventista del capo dell’Esecutivo italiano, leader per un semestre del Governo europeo, è un atto narciso rivolto a ben figurare con chi conta nel vecchio continente e conquistare ulteriori incarichi per il suo clan: l’investitura ad Alto rappresentante per la politica estera, negato in prima battuta alla Mogherini per palese mancanza di esperienza e spessore, e rincorso con tale iniziativa. Il passo renziano, sostenuto dal Parlamento di Roma, magari produrrà l’incarico invischiando il nostro Paese in rinnovate disavventure come le note attività di polizia internazionale che costano denaro alle casse dello Stato.

Oltreché vite umane ai militari che combattono in “missioni di pace”, “danni collaterali” ai tanti civili uccisi anche dai Tornado che decollano e a volte cadono sui nostri cieli durante le esercitazioni.

Enrico Campofreda

21 agosto 2014

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Tags
Commenti

Enrico Campofreda

Giornalista. Dal 1985 al 2000 ha scritto di sport su: Paese Sera, Il Messaggero, Corriere della Sera, Il Giornale, La Gazzetta dello Sport, Il Corriere dello Sport. Dal 2006 al 2011 di politica sociale ed estera su Il Manifesto e Terra. Attualmente scrive di politica estera per alcuni quotidiani online. Ha pubblicato: – L’urlo e il sorriso, 2007, Di Salvo, Napoli – Hépou moi, 2010, ABao AQu, Rovigo – Diario di una primavera incompiuta, 2012, ABao AQu, Rovigo – Afghanistan fuori dall’Afghanistan, 2013, Poiesis, Alberobello – Leggeri e pungenti, 2017, Lorusso Editore, Roma.

Utenti online