Incerto mondo

Enrico Campofreda

Istanbul, il sogno d’una resurrezione

Istanbul, il sogno d’una resurrezione

Istanbul non porta la tristezza come ‘una malattia temporanea’, oppure ‘un dolore da cui liberarsi’, ma come una scelta…” eppure lo scrittore Orhan Pamuk, come altri cittadini liberi di Turchia è angosciato dall’attuale orizzonte che sta vivendo il Paese. Attanagliato nella morte, come durante i cupi tempi d’una dittatura lunghissima, quando negli anni Sessanta, Settanta, Ottanta, periodi in cui lui era bambino, ragazzo e poi giovane uomo generali e militari dettavano legge sul resto della cittadinanza torturando, incarcerando, assassinando. Quei tempi sembrano tornare, attuati da un presidente assetato di potere sino al punto di dimenticare un passato che l’ha portato in galera, perseguitato dai militari kemalisti per il la sua fede islamica.

Eppure Erdoğan che di strada ne ha fatta tanta, diventando sindaco proprio della città pontiera d’Istanbul (che è Bisanzio e Costantinopoli, sponda europea e asiatica, luogo, come ricorda lo scrittore, dove ”le rovine convivono con la città”) prima d’essere premier e ora presidente ha dimenticato i tempi del dolore, se tanto ne produce con una gestione assolutistica del suo ruolo. In una recente intervista a La Repubblica il premio Nobel ha dichiarato “A Istanbul la vita negli ultimi due mesi è diventata impossibile. Gli amici continuano a dirti: non scendere a prendere la metro, non andare in piazza Taksim, non frequentare posti affollati. La sindrome della bomba sta accerchiando le nostre vite, ma tutta la gente in Turchia non vuole altro che la pace”.

La chiedevano anche quelle migliaia di lavoratori e giovani che sabato scorso manifestavano ad Ankara quando in trenta secondi due esplosioni hanno sparso frammenti di ferro sui volti e sul corpo di decine di loro. Lacerandoli. Sono morti in 97 ma di un’altra trentina non si hanno notizie da giorni. Potrebbero risultare fra le vittime. Nell’ennesimo disastro che soffoca il Paese, assieme alla guerra civile latente fra l’esercito e le organizzazioni politiche kurde, all’attacco alla libertà d’informazione e finanche di parola condotto da Erdoğan a suon di arresti, c’è stato un piccolo miracolo. L’insegnante Izettin che abbracciava la moglie dopo l’attentato ricoperto del proprio e dell’altrui sangue, e dato per morto insieme alla figlia, non è fra le vittime. L’uomo vive, seppure con la tristezza orgogliosa di cui parla Pamuk. Questa “resurrezione” può rappresentare un viatico per la rinascita della Turchia.

Enrico Campofreda

14 ottobre 2015

© Riproduzione Riservata
Tags

Enrico Campofreda

Giornalista. Dal 1985 al 2000 ha scritto di sport su: Paese Sera, Il Messaggero, Corriere della Sera, Il Giornale, La Gazzetta dello Sport, Il Corriere dello Sport. Dal 2006 al 2011 di politica sociale ed estera su Il Manifesto e Terra. Attualmente scrive di politica estera per alcuni quotidiani online. Ha pubblicato: – L’urlo e il sorriso, 2007, Di Salvo, Napoli – Hépou moi, 2010, ABao AQu, Rovigo – Diario di una primavera incompiuta, 2012, ABao AQu, Rovigo – Afghanistan fuori dall’Afghanistan, 2013, Poiesis, Alberobello – Leggeri e pungenti, 2017, Lorusso Editore, Roma.

Utenti online