Incerto mondo

Enrico Campofreda

Banksy, Calais e i nostri miserabili

Banksy, Calais e i nostri miserabili

E’ apparsa su un muro londinese, Knightsbridge, nel centro residenziale cittadino, dove le immagini danno fastidio quanto le presenze dal vivo. Trattandosi d’una miserabile, hanno cercato di cancellarla e poi celarla, per preservarla, dicono così, ripetendo anche per un fumetto quel che accade nella realtà. Si tratta del volto smunto di Cosette, l’eroina del celebre romanzo con cui Victor Hugo… Leggi tutto

Mafraq: la scuola e l’igiene

Mafraq: la scuola e l’igiene

Fra i molti campi sparsi in Medio Oriente, dove sono ammassati i profughi siriani che non hanno intrapreso la traversata della vita o della morte sui gommoni dei trafficanti della disperazione, ce n’è uno in Giordania gestito dalla onlus italiana Vento di Terra. “Chi getta semi al vento farà fiorire il cielo” recita un distico che riassume efficacemente il viatico… Leggi tutto

Un amore politicamente scorretto

Un amore politicamente scorretto

Hilmi, artista palestinese, non può amare Liat, traduttrice israeliana. La loro passione, pur nella fantasia dell’intreccio letterario del romanzo “Haie” di Dorit Rabinyan, non riceve l’assenso del Ministero dell’educazione d’Israele che esclude il libro dai programmi scolastici. Così le studentesse ebree non potranno fantasticare di seguire lo sguardo ammaliatore d’un coetaneo arabo; il dicastero e il governo di Tel Aviv… Leggi tutto

Enrico Campofreda

Giornalista. Dal 1985 al 2000 ha scritto di sport su: Paese Sera, Il Messaggero, Corriere della Sera, Il Giornale, La Gazzetta dello Sport, Il Corriere dello Sport. Dal 2006 al 2011 di politica sociale ed estera su Il Manifesto e Terra. Attualmente scrive di politica estera per alcuni quotidiani online. Ha pubblicato: – L’urlo e il sorriso, 2007, Di Salvo, Napoli – Hépou moi, 2010, ABao AQu, Rovigo – Diario di una primavera incompiuta, 2012, ABao AQu, Rovigo – Afghanistan fuori dall’Afghanistan, 2013, Poiesis, Alberobello

Utenti online