Incerto mondo

Enrico Campofreda

22052015095552_sm_12178

Palmira, l’aurora contro ogni buio

Non ce la fa Palmira a preservarsi dai conquistatori jihadisti, dopo che per giorni il fronte era arrivato fra le sue vestigia, coi seguaci di Al Baghdadi e l’esercito di Asad a combattersi ai bordi dell’area archeologica. Tramite la cittadina-museo i fondamentalisti dello Stato Islamico s’impossessano anche dell’importate via di comunicazione meridionale verso Damasco. La capitale dista circa 200 chilometri…. Leggi tutto

20052015100606_sm_12135

Le città d’arte d’Italia a lutto contro l’Isis

Una Primavera così nera e celata Firenze non la vedeva dal 1944 quando lei, la statua che raffigura la stagione del risveglio della vita, finì stroncata dalle bombe tedesche insieme al ponte di Santa Trinita. Nel dopoguerra accanto al miracolo della ricostruzione ci fu quello del ripescaggio e del restauro delle sculture delle quattro stagioni.   La Primavera, che ha… Leggi tutto

04052015104920_sm_11926

Thailandia, il libro e la lesa maestà

L’uomo ha un nome su cui noi incespichiamo: Udomsak Wattanaworachaiwathin. E’ una persona che s’avvicina alla terza età e fa il libraio a Bangkok. Si è ritrovato una condanna di due anni di detenzione perché un testo messo sul mercato conteneva concetti sovversivi verso la monarchia al potere.   Corona antichissima e assolutista, diventata costituzionale all’inizio degli anni Trenta del… Leggi tutto

Enrico Campofreda

Giornalista. Dal 1985 al 2000 ha scritto di sport su: Paese Sera, Il Messaggero, Corriere della Sera, Il Giornale, La Gazzetta dello Sport, Il Corriere dello Sport. Dal 2006 al 2011 di politica sociale ed estera su Il Manifesto e Terra. Attualmente scrive di politica estera per alcuni quotidiani online. Ha pubblicato: – L’urlo e il sorriso, 2007, Di Salvo, Napoli – Hépou moi, 2010, ABao AQu, Rovigo – Diario di una primavera incompiuta, 2012, ABao AQu, Rovigo – Afghanistan fuori dall’Afghanistan, 2013, Poiesis, Alberobello

Utenti online